Aleteia, il primo social network “con l’imprimatur”

Anche la Chiesa cattolica si dà al 2.0: E’ nato il primo social network “con l’imprimatur”. Si chiama Aleteia e il suo nome deriva dal greco (significa “verità”).
Più precisamente la “realtà di condivisione e dialogo a livello globale su questioni di fede, vita e società “per i cercatori della verità” è un sito che sfrutta i social network già esistenti, come Facebook, Twitter e You Tube per condividere e commentare notizie e ha iniziato la sua attività in sei lingue: italiano, arabo, inglese, francese, portoghese e spagnolo.

Ad Aleteia hanno già aderito finora, come membri, oltre mille tra siti web, radio e tv, istituzioni cattoliche e movimenti da tutto il mondo. «Si tratta di un’occasione formidabile per la Chiesa di ampliare il dialogo con cattolici, cristiani, credenti di tutte le religioni e anche non credenti, perché Aleteia offre risorse a tutti i ‘cercatori della verità’ – Spiega il presidenteJesus Colina, già animatore di varie iniziative cattoliche nel mondo dei media a livello internazionale – Per questo motivo gode del patrocinio e dell’incoraggiamento dei Pontifici Consigli per le Comunicazioni sociali e per la Promozione della Nuova evangelizzazione».

Aleteia è la prima iniziativa lanciata dalla Fondazione per l’Evangelizzazione attraverso i Media (Fem)con la sua nascita, è stato annunciato anche il primo servizio mondiale diraccolta pubblicitaria online destinata alle realtà cattoliche, iniziativa promossa dalla Fem.

Organizzato da

Con il supporto di

Main Sponsor

Sponsor

Patrocinio di

In collaborazione con

un ringraziamento a