Brenz Verca, Padre Renato

Padre Renato Brenz Verca

IMG_8477Padre Renato Brenz Verca, domiciliato al convento frati cappuccini Monterosso al mare. Studi Elementari conseguiti a Montagna in Valtellina (SO). Studi Medie conseguti:  1° a Sondrio , 2° e 3° nel Seminaro Minore dei Frati Cappuccini – Albino (BG). Studi superiori conseguiti: Liceo Classico nel Seminario Maggiore dei Frati Cappuccini  – Varese
Dopo la maturità classica prendo la decisione di continuare il camino francescano entrando in Noviziato emettendo i voti semplici l’8 settembre 1983.
Dal 1984 al 1990 nei conventi di Cremona e Milano conseguo gli studi di Filosofia a Teologia al fine di ottenere il Baccalaureato.
Nel frattempo il 3 ottobre 1987 emetto i voti perpetui. Il 2 luglio 1988 vengo ordinato diacono. In questi anni faccio esperienza di pastorale formativa coi giovani ed i seminaristi oltre che svolgere tutte le necessarie mansioni del convento ( cucina, ortaglia, giardino, sagrestia ) Presentata la tesi di Baccalaureato, il 26 maggio 1990 , vengo ordinato sacerdote a MI nella chiesa del nostro convento. Il primo incarico fu una Parrocchia molto difficile in un quartiere di BS. Ho svolto un lavoro formativo di pastorale coi 8 gruppi ( adolescenti , giovani, fidanzati,  giovani coppie di sposi, gruppo di ricerca esistenziale, gruppo missionario – con esperienza di giovani portati con me in missione per compiere campi lavoro in Brasile , Camerun , Costa d’Avorio  – gruppo organizzativo ricreativo, ammalati ) Nel mentre conseguivo a MI  un corso triennale di specializzazione in pastorale.
Nel 1994 son stato trasferito ad Albino (BG) nel nostro Seminario. Inseganvo storia e geografia in 1°e 2° Media ed ero Educatore responsabile dei seminaristi delle Scuole Superiori. Nel contempo seguivo un progetto per gruppi familiari.
Nel 1997 nuovamente vengo trasferito a MI c/o il nostro Centro Missionario : incaricato a sostegno delle nostre missioni. Preparavo ogni anno una cinquantina di giovani che in estate partivano offrendo le loro vacanze per aiutare i poveri, affiancando in missionari cappuccini direttamnete sul posto. Ho seguito la redazione della nostra rivista mensile “Missionari Cappuccini”ed una grande mostra permanente a sostegno dei progetti missionari con esposizione-vendita di oggettistica, mobili, suppellettili, tappeti, presepi provenienti dalla nostre missioni che ho girato in lungo e largo(Sud America, Africa, India).
Dal 2007 sono l’unico frate responsabile presente al convento di Monterosso. Apparetengo giuridicamente alla comunità di frati del centro Missioni di Genova cui faccio riferimento e sostengo.  La casa di Monterosso fa parte di un progetto missionario inter-regionale dove accogliamo laici e religiosi per cammini di formazione e ritiri spirituali oltre che vacanze per lo spirito. Le offerte sono finalizzate per il sostegno del bel convento seicentesco, ma in particolare vengono destinate alle missioni.
Durante la terribile alluvione del 25 ottobre 2011 che ha portato distruzone e morte, il convento è stato punto importante di riferimento per il paese accogliendo, senza alcuna ricompensa da nessun Ente, gli sfollati per vari mesi, oltre le squadre dei vari Corpi Civili giunti da tutt’Italia per aiutare la grave situazione del paese. In soli sei mesi il paese si è risollevato dando un grande esempio all’Italia di forza pilota che lo ha fatto tornare come prima, pronto ad accogliere i turisti che, per otto mesi annui, a migliaia giungono da ogni parte del mondo. Ora il mio impegno è quello di questuare fondi per mettere in sicurezza il paese dopo la grande frana, che è comunque un postumo alluvione, la quale ha fatto crollare il grande muraglione storico e l’orto denominato “paradiso del convento”. Abbiamo svuotato la cassa del convento acquistando subito sette container facendo in modo che appena dopo 5 giorni dalla frana, la popolazione potesse transitare dentro in sicurezza per ricollegare il passaggio del paese. La stima del danno è di 500 mila euro.
Abbiamo gareggiato per il Censimento I LUOGHI DEL CUORE – FAI 2014 vincendo il 1° posto in Italia con 110.341 firme.
In seguito a tale premio, ci perverranno entro fine anno, 50 mila euro;fin’ ora son gli unici denari guadagnati che ci pervengono da un Ente Istituzionale. Continuiamo a fidarci della santa Provvidenza!

Interverrà a:

 Torna agli speaker

Organizzato da

Con il supporto di

Main Sponsor

Sponsor

Patrocinio di

In collaborazione con

un ringraziamento a